Autodifesa verbale

Difesa personale verbale: alla base dell'autodifesa

Difesa personale verbale: alla base dell’autodifesa!

Difendersi dalle aggressioni verbali: la difesa personale verbale è fondamentale, per evitare che ci manchino di rispetto. Sul lavoro, a scuola, in famiglia, tra conoscenti. Ed è basilare nella difesa personale in genere.
Spesso, prima di aggredirti fisicamente, il malintenzionato vuole intimidirti. Con aggressioni verbali. Che sono, tipicamente, di due tipi. Entrambi a sfondo sessuale.
1) Aggressioni verbali sessiste nei confronti delle donne: fanno riferimento al mestiere più antico del mondo;
2) aggressioni verbali omofobe nei confronti degli uomini: vogliono umiliarti con questa  brutta forma di attacco razzista. Perché l’omofobia, si sa, è razzismo.
Le aggressioni verbali verso i componenti femminili della propria famiglia – madre, moglie, sorella o figlia – sono molto più frequenti quando ad essere preso di mira è un uomo.

Se cedi  di fronte alle aggressioni verbali – provi paura, oppure ti arrabbi – fai il gioco dell’aggressore. Il suo scopo è quello di intimidirti. Di sconfiggerti psicologicamente, prima ancora che fisicamente. Quando perdi la lucidità, e sei preda delle emozioni, sei vulnerabile.
Cosciente o meno, c’è un altro motivo per cui l’aggressore ti aggredisce verbalmente: attraverso gli insulti e le minacce si carica di adrenalina. Va su di giri. Si prepara, dopo l’aggressione verbale, a quella fisica. Una precede l’altra, e le apre la strada.

Difesa personale verbale: come imparare a restare imperturbabili

L’autodifesa verbale inizia con la gestione delle proprie emozioni.
Non devi, infatti, lasciarti travolgere da insulti, minacce e allusioni. E devi, invece, essere capace di reagire in modo assertivo e razionale. Utilizzando strategie di difesa personale verbale che spiazzino l’aggressore. Che lo disarmino. Che lo facciano restare a bocca aperta.
A seconda dei casi, può servire tacere. O usare l’arma dell’umorismo. O rispondere a tono. Oppure utilizzare gli “sleights of mouth”: giochi di parole che lasciano stupiti. L’importante è non assecondare l’aggressione verbale attraverso il proprio comportamento.
I corsi di difesa personale istintiva (Wilding) approfondiscono la materia. Per darti uno strumento di autodifesa nei confronti di chiunque ti manchi di rispetto! Mario Furlan, il fondatore del Wilding, ha studiato la materia per anni. Ed è docente di Comunicazione efficace presso l’università di Benevento.