• Contattaci al numero: +39 02 26 80 94 35

Difesa personale psicologica: TgCom24 presenta il Wilding, l’autodifesa istintiva

ByMario

Difesa personale psicologica: TgCom24 presenta il Wilding, l’autodifesa istintiva

La nuova frontiera dell’autodifesa si chiama “Wilding“, dall’inglese “Wild”, cioè selvaggio. Si tratta della difesa personale psicologica. Basata sull’istinto, non su mosse e tecniche da memorizzare. “Tira fuori non la mente razionale, ma la parte primordiale del nostro cervello. Che poi è quella che ci salva quando siamo in crisi, davanti a un aggressore” spiega Mario Furlan, ideatore di questa difesa personale psicologica.

Noto come fondatore dei City Angels, i volontari anticrimine in basco blu e giubba rossa attivi in diverse città italiane e svizzere, Furlan conosce molto bene il mondo delle arti marziali e della difesa personale. “Proprio con i City Angels, operando sulle strade più pericolose delle nostre grandi città, mi sono reso conto di cosa funziona in palestra e di cosa serve davvero nella realtà” racconta a Tgcom24. L’occasione è l’uscita della nuova edizione aggiornata del suo libro sulla difesa personale “Basta paura!

La difesa personale psicologica per donne, anziani e disabili

La difesa personale psicologica, spiega l’articolo, si rivolge in primis a chi difficilmente frequentere il classico corso di autodifesa basato su calci e pugni. Quindi a donne, anziani, persone con disabilità o problemi fisici. Persone che finirebbero per soccombere, di fronte a un aggressore più forte. Il Wilding, invece, è diverso. Ed è, si legge nell’articolo, la difesa personale ideale per chi vive nelle nostre città insicure.

Mario Furlan sostiene che il pericolo di scippi e borseggi c’e sempre stato. E’ invece in crescita l’aggressività per futili motivi. E assistiamo a un imbarbarimento della vita sociale. Magari guardi storto qualcuno e ti becchi un pugno. O una coltellata. Proprio per questo la difesa personale psicologica diventa così importante: per capire in anticipo le intenzioni delle persone. Per non trasmettere debolezza, né essere distratti. E per evitare di cacciarsi nei guai.

Leggi anche l’articolo su come reagire alla violenza psicologica.

Per leggere  l’intero articolo, CLICCA QUI